Itinerario 06: L ALTA VALLE DEL TAGLIAMENTO.


Quest’itinerario, che si snoda lungo la Valle del Tagliamento, anche non esclusivamente archeologico, ci permette di visitare alcune antiche chiese (Pieve dei Santi Ilario e Taziano ad Enemonzo, chiesa di San Martino e Pieve di Castoia a Socchieve, chiesa di San Lorenzo a Forni di Sotto, chiesa di San Floriano e San Giacomo Apostolo a Forni di Sopra), due Musei importanti per la conoscenza della paleontologia e della geologia del territorio (a Preone ed Ampezzo), i recenti scavi di un castello (Colle Sacuidic, a Forni di Sopra).
Da Ampezzo, si può raggiungere Sauris, località d’antiche tradizioni.

Km. 67 c. – Si parte da Tolmezzo e ci si dirige lungo la Valle del Tagliamento in direzione Villa Santina S.S. 52. Lasciata alle spalle Villa Santina, dopo km. 5 si trova Enemonzo, che merita una tappa per visitare la Pieve dei Santi Ilario e Taziano, una delle più antiche della Carnia, edificata nel XIII sec. e ristrutturata nel XVIII.

Prima di raggiungere Socchieve, si prende una strada a sinistra e si oltrepassa il Tagliamento per una sosta a Preone, per conoscere la storia del passato geologico e paleontologico della Carnia presso il Museo Naturalistico e per vederne le tracce seguendo il Sentiero naturalistico di Stavolo Lunas, un itinerario di km. 3, che si percorre in circa un’ora di cammino.

In due chilometri si perviene a Socchieve e dalla piazza del paese si sale a piedi in breve alla chiesa di San Martino. Tornati sulla piazza di Socchieve, si prende una rotabile ripida e stretta che sale in direzione di Nonta. Dopo qualche centinaio di metri si svolta a sinistra e, superato un portale di pietra, si raggiunge la spianata su cui sorge la Pieve di Santa Maria Annunziata di Castoia.

Si fa ritorno sulla S.S. 52 in corrispondenza di Mediis e la si segue fino ad Ampezzo. Da visitare in paese il Museo Geologico della Carnia.

Seguendo sempre la S.S. in direzione di Forni di Sotto (km. 13), un chilometro e mezzo circa prima del paese si passa nei pressi dell’isolata chiesetta di San Lorenzo.

Prima di giungere a Forni di Sopra (km. 8), seguendo un sentiero che si addentra nel bosco a sud-ovest del borgo d’Andrazza (seguire le indicazioni svoltando a sinistra, provenendo da Forni di Sotto), raggiungiamo il Colle Sacuidic, a dominare il corso del Tagliamento, dove è visitabile il complesso fortificato di recente musealizzazione. Dall’altro lato della strada statale è visibile il Cuol di Cjastel in cui sono in corso gli scavi. Tornati sulla S.S. 52, nella borgata di Cella merita una sosta la chiesa di San Floriano (monumento nazionale) e, nel centro di Vico, la chiesa di San Giacomo Apostolo.

Sulla via del ritorno, giunti ad Ampezzo, all’inizio del paese si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per Sauris. Si risale la Val Lumiei lungo un percorso di Km. 17 che si snoda tra orridi e gallerie e si giunge alla diga del Lumiei e al Lago di Sauris. Superate le case de La Mania, si arriva a Sauris di Sotto e poi a Sauris di Sopra.

[ STAMPA SCHEDA IN PDF ]



© 2014 Archeocarta Friuli Venezia Giulia - Realizzato da Mediares S.c.