Prospetto del Battistero.

Fa parte del complesso della Basilica Patriarcale, davanti alla cui facciata è posto ed alla quale è collegato da un corridoio porticato che conduce al nartece. Sorto nel periodo della basilica post-teodoriana, era un edificio a pianta quadrata con muri alti nove metri. Da questa altezza, al di sopra delle esedre, l’edificio assu¬meva una forma ottagonale, chiusa da una volta. Nelle otto facce si aprivano altrettante finestre.
Al centro del Battistero venne costruita una vasca battesimale per il battesimo ad immersione, di forma ottagonale. Il pavimento originale, che sta sotto i lastroni oggi visibili, era composto da piccole lastre marmoree ad intarsi. Ebbe varie fasi intermedie, finché nel IX sec. vennero innalzate sei colonne (visibili) che circondavano la vasca battesimale, alle quali furono appoggiate sei arcate che, reggendosi sul muro perimetrale, sostenevano un ambulacro (galleria).

Pianta del Battistero.

Quattro absidi contrapposte erano poste agli angoli della pianta quadrata. Si accedeva al battistero attraverso una coppia di porte da nord e se ne usciva attraverso un’analoga coppia a sud. Oggi l’ingresso avviene da una porta sola e l’aspetto attuale del battistero, che ha subito profondi rimaneggiamenti nei secoli, risale alla metà dell’Ottocento.

Periodo Storico: Alto Medioevo
Localizzazione Geografica