UDINE, Chiesa di San Francesco.

Nel 1259 il patriarca Gregorio di Montelongo diede inizio alla costruzione del convento francescano e della chiesa che venne consacrata nel 1266.
Fra il Seicento e il Settecento l’edificio subì numerose modifiche e ampliamenti; nel 1945, dopo i bombardamenti della II guerra mondiale, la chiesa fu restaurata rispettando l’aspetto originale.

La sorveglianza archeologica condotta dalla Soprintendenza per gli allora BAAAS del Friuli Venezia Giulia in collaborazione con i Civici Musei di Udine, nel corso dei lavori di ristrutturazione della chiesa di S. Francesco del 1985, consentì il recupero, entro due trinceee seguite alle estremità opposte del transetto della chiesa (Trincea A e Trincea B), di una discreta quantità di materiale ceramico protostorico.

Nella trincea settentrionale (Trincea A) è stata rinvenuta una buca (struttura α)scavata nel substrato di ghiaia di forma subrettangoalre dalle dimensioni di 1,50 x 2,70 m e profonda 1,20 m; la fossa risultava foderata da uno spesso strato di argilla scottata (US7) e, dal basso verso l’alto, era riempita da un livello di anelloni frammisti a cenere (US 6a inf.), lenti di terreno carbonioso e argilloso con cocci (US 6a), falde con cocci inclinate da nord verso sud (US 5b-5g), livello composto da frammenti di terracotta in matrice limoso-argillosa (US 5a), e colmatura di grossi ciottoli, ghiaia e frammenti ceramici.
La trincea B misurava 5 x 4 m; qui, al di sotto di resti di strutture medievali e moderne, sono stati riconosciuti un livello di frequentazione dell’età del ferro e una fossa (1,40 x 5,70 m) con ceramica dell’età del bronzo medio-recente insieme con frammenti ossei e frustoli carboniosi in matrice limosa argillosa bruna.

Fonte: www.ipac.regione.fvg.it

[ STAMPA SCHEDA IN PDF ]
Periodo Storico: Basso Medioevo
Localizzazione Geografica

© 2014 Archeocarta Friuli Venezia Giulia - Realizzato da Mediares S.c.