FAEDIS (Ud). Fraz. Campeglio – Il castello di Soffumbergo.

Posto su un panoramico rilievo, il castello di Scharfemberg (Soffumbergo – monte aguzzo) fu, sin dal sec. XII, una delle sedi di residenza dei Patriarchi di Aquileia, utilizzata soprattutto durante i periodi estivi.
La famiglia feudataria del maniero era una delle schiatte nobili di origine germanica che scesero in Friuli con gli imperatori ottoniani già dal X sec. a garantire la percorribilità delle vie d’accesso dalla Germania. Il territorio su cui dominava comprendeva Campeglio, Raschiacco, Colloredo, Valle e Canale.
Sede temporanea dell’ultimo patriarca di Aquileia, per questo fu completamente distrutto dai Veneziani nel 1441 con l’aiuto dei Cividalesi.
Varie campagne di scavo archeologico svolte negli anni ’70 e ’90 del secolo scorso hanno permesso di rimettere in luce i resti di una torre-mastio ed ampie parti di strutture murarie appartenenti alla più antica cinta muraria del castello forse anteriore al XIII sec.
L’antica cappella castellana, dedicata a San Rocco, invece, grazie ai numerosi rifacimenti e restauri, è ancora totalmente integra. Nel 1993 vennero effettuati alcuni scavi archeologici che portarono alla luce diversi reperti. Tra essi c’erano numerosi frammenti di ceramica da mensa e da fuoco con interessanti motivi decorativi, oggetti in bronzo, cuspidi di frecce ed elementi di armature, risalenti ai secoli XIII-XIV.

Info:
Il castello di Soffumbergo è raggiungibile attraverso via Castellana a Campeglio, una laterale della strada per Raschiacco.

[ STAMPA SCHEDA IN PDF ]
Periodo Storico: Basso Medioevo
Localizzazione Geografica

© 2014 Archeocarta Friuli Venezia Giulia - Realizzato da Mediares S.c.