Il contributo prende in esame l’edificio noto dalla cartografia e dalla letteratura come Torre d’Arena; per esso solo Luisa Bertacchi espose dubbi in merito alla datazione, che si ritiene sia da inserire nel pieno medioevo, quindi senza alcuna relazione con le mura repubblicane.
Viene inoltre discusso l’effettivo andamento del III decumano a sud del foro, per cui abbiamo dati certi dalla posizione dei recinti funerari del sepolcreto e dal limite meridionale del complesso delle Grandi terme.
La strada che correva a sud non poteva incontrare il tratto del decumano che corrispondeva all’attuale via vescovo Teodoro e che lambiva a sud le mura repubblicane.
Occorre dunque pensare a un disassamento o in corrispondenza del cardine massimo o all’altezza delle Grandi terme. Infine il cardine che compare nella cartografia a occidente del complesso del fondo CAL appare frutto di una (errata) ricostruzione moderna.

Leggi tutto nell’allegato: Proposte per migliorare la pianta di Aquileia

Periodo Storico: Età Romana
Localizzazione Geografica