SESTO AL REGHENA (Pn). Abbazia, l'Urna di Santa Anastasia.

L'Urna di Sant'Anastasia rappresenta uno dei manufatti più significativi della cultura artistica altomedievale dell'area altoadriatica ed è riconducibile ad una committenza di alto livello; realizzata verosimilmente in una bottega prossima…

LESTIZZA, fraz. Galleriano (Ud), Il castelliere Las Rives.

L'insediamento del Castelliere di Galleriano, meglio noto con il toponimo "Las Rives", si configura come l'unico sito protostorico del territorio del Comune di Lestizza: si tratta di un abitato fortificato di pianura che conserva ancora gli…

AIELLO DEL FRIULI, fraz. Novacco (Ud), Castelliere.

Un dosso triangolare poco rilevato posto alla confluenza dell’Aussa con la Gorizzizza dovette ospitare un castelliere di pianura, con difese, forse parziali, formate da argini di terra e palizzate lignee come altri siti della fascia delle…

POZZUOLO DEL FRIULI (Ud). Loc. Braida dell'Istituto, necropoli ad incinerazione.

Nelle zone pianeggianti situate a Sud, a Nord e a Nord-Est dei due castellieri di Pozzuolo sono state riconosciute quattro necropoli ad incinerazione (loc. Braida Roggia, Selve, Fontane, Braida dell'Istituto), che verosimilmente erano utilizzate…

CODROIPO (Ud). Castelliere La Gradiscje. Villaggio protostorico.

Il sito di Gradiscje di Codroipo (36 m slm, 45° 57’ 10’’ N, 12° 58’ 54’’ E) si trova all’inizio della fascia delle risorgive, immediatamente a Sud dell’attuale abitato di Codroipo (nei pressi del campo sportivo). Dal punto…

POZZUOLO DEL FRIULI (Ud), I due Castellieri.

I due castellieri, appaiati, si ergevano su due alture tettoniche. Anche i terrazzi che costeggiano le colline, nelle ultime fasi di vita del villaggio furono abitati. Mel periodo di massima espansione, verso il VI sec. a.C., l'insediamento…

BASILIANO (Ud), fraz. Variano, il colle di S. Leonardo ed il castelliere protostorico.

Dall'alta pianura friulana emerge una serie di modesti rilievi lungo una linea che da Pozzuolo, passando per Carpeneto e Orgnano, raggiunge l'abitato di Variano. L'ultima delle glaciazioni quaternarie, chiamata glaciazione di Wurm e terminate…

SEDEGLIANO (Ud), fraz di Gradisca. Castelliere.

E' conosciuto come castelliere protostorico fin dai primi del '900 e si e preservato nelle sue forme grazie al campo di calcio creato al suo interno. In questi ultimi anni e stato oggetto di alcuni sondaggi con il recupero di materiale ceramico…

FLAIBANO (Ud), fraz. S. Odorico, Tomba a tumolo a Tomba di Sotto / Marangoni di Sotto.

La tomba, tuttora esistente, si trova all’interno di una piccola zona risparmiata dal riordino fondiario. Attualmente la lettura del profilo risulta difficile sia per la vegetazione che vi è cresciuta sopra sia per la presenza tutt’intorno…

FLAIBANO (Ud), Fraz. S. Odorico. Tumulo Montagnola / Tomba di Sopra / Marangoni di Sopra.

Del tumulo oggi sul terreno non resta assolutamente traccia a causa dei lavori di riordino fondiario condotti nella zona nel 1981, che portarono al completo spianamento della struttura. In quell'occasione la Soprintendenza intervenne effettuando…

DIGNANO (Ud), fraz. Bonzicco. Castelliere.

Il castelliere sorge a ridosso della sponda sinistra del Tagliamento, su un alto sperone naturale di forma allungata (simile a quello di Rive d'Arcano). L’unico lato ad essere fortificato con la struttura ad aggere è quello a Nord, rivolto…

CASTIONS DI STRADA (Ud). Il Cjastelir.

Fin dalla più remota antichità Castions di Strada ha acquisito importanza grazie alla posizione favorevole sia per gli insediamenti abitativi sia dal punto di vista strategico e difensivo. Infatti qui sorgeva un "cjastelir", piccola altura…

MERETO DI TOMBA (Ud). La Tùmbare, tumulo di età protostorica.

Nascita dei castellieri Nella fascia della pianura centrale che si estende tra il fiume Tagliamento e il torrente Torre, e lungo la cosiddetta "linea delle risorgive", si conservano i resti di un antico paesaggio monumentale, che cominciò…

MERETO DI TOMBA (Ud). Castelliere di Savalòns (Parco Archeologico).

Nascita dei castellieri Nella fascia della pianura centrale che si estende tra il fiume Tagliamento e il torrente Torre, e lungo la cosiddetta "linea delle risorgive", si conservano i resti di un antico paesaggio monumentale, che cominciò…

COSEANO (Ud), Loc. S. Giovanni di Barazzetto, Mutare/Chiesetta di San Giovanni in Silvis, tomba a tumulo.

Il piccolo rialzo su cui sorge la chiesetta di S. Giovanni in Silvis di Barazzetto, era considerato dal Quarina un tumulo protostorico, in origine di forma conica, spianato poi in parte per l'impostazione della chiesa (QUARINA 1943, pp. 80,…

LESTIZZA (Ud). La necropoli di Nespoledo.

La necropoli è stata rinvenuta casualmente nel 1999, in seguito a lavori agricoli nel terreno di proprietà del sig. Graziano Cossetti, alla periferia di Nespoledo, a sud-est della strada provinciale di Bertiolo. Leggi la relazione intera…

CODROIPO (Ud), Castelliere di Rividischia, scavi 1998 - 2000. la ceramica.

Si presenta in questa sede la documentazione ceramica rinvenuta nel corso delle tre campagne di scavo (1998-2000) organizzate dal Comune di Codroipo in collaborazione con i Civici Musei di Udine e con la SFA nel Castelliere di Rividischia (Codroipo).…

SEDEGLIANO (Ud), fraz. di Coderno, Capanne della tarda età del bronzo.

Il nome Coderno palesa in modo inconfutabile una identità romana, offerta dal riferimento del ceppo stradale "quaterno lapide", ma la presenza di reperti e di pratiche cimiteriali a tumulo evidenziano anche civiltà preromana. La località…

AQUILEIA (Ud). Le epigrafi cristiane del Museo Paleocristiano di Monastero.

Nell’agro aquileiese sono state rinvenute circa 500 iscrizioni paleocristiane, di cui una trentina in greco. Nei tre piani del Museo di Monastero sono esposti 3 frammenti di sarcofago e 148 lastre; 106 sono decorate con graffiti di particolare…

AQUILEIA (Ud). Il Museo Paleocristiano di Monastero.

Il monastero – che ha dato il nome alla località - fu un importante elemento per la storia religiosa ed economica di Aquileia. Dall’XI secolo, grazie alla presenza di numerose monache di origine tedesca, fu un centro di diffusione del rinnovamento…

AQUILEIA (Ud). Piazza Capitolo.

La piazza del Capitolo è uno dei centri della vita di Aquileia in età medievale. Delimitata dalle imponenti fabbriche della basilica, del battistero e del campanile, la piazza occupava il sito dell’antico palazzo vescovile e del quadriportico…

TRIVIGNANO UDINESE (Ud), Borgo di Clauiano, Chiesetta campestre di San Marco.

La chiesetta che oggi si può ammirare nella campagna è situata a circa un chilometro dall’abitato di Clauiano; eretta proprio sulla direttrice della strada consolare, che da Aquileia conduceva a Cividale e al Norico, era il punto di riferimento…

CODROIPO (Ud). Parco delle Risorgive, Mostra di Carrozze d’epoca, Villa Manin di Passariano.

A sud dell’abitato di Codroipo, si estende lungo un reticolo di piccoli corsi d’acqua il Parco delle Risorgive, che rappresenta una testimonianza preziosa di ambiente naturale caratterizzato dalla presenza dei “prati umidi” con essenze…

AQUILEIA (Ud). L'area del Mottaron, all'estremità occidentale delle mura bizantine.

L’area del così detto Mottaron(e), o Montiron, si trova al margine della cinta urbica altomedievale e medievale di Aquileia. Essa è nettamente divisa dalla medievale Roggia del Mulino, che distingue una parte bassa e pianeggiante a nord…

PORPETTO (Ud). Il Punt di Piere.

Il "ponte romano", il famoso "Punt di Piere", rischia la copertura. I lavori per la realizzazione della "bretella" di Porpetto sono ormai ad un metro dal manufatto che rischia di essere sepolto per sempre sotto i materiali di costruzione della…

BUTTRIO (Ud). Museo della Civiltà del vino.

Il Museo della Civiltà del Vino è allocato nella Villa di Toppo-Florio, che si trova sui colli di Buttrio. Il museo deve la sua creazione alla particolare passione che il suo direttore, Geremia Nonini, ha messo in più di trent’anni di dedizione…

BUTTRIO (Ud). Il parco archeologico e botanico della Villa Di Toppo-Florio.

L’antica residenza padronale eretta dai Di Toppo nella prima metà del XVIII sec. come residenza patrizia di campagna, subendo nel corso dei secoli successivi numerose aggiunte e trasformazioni in modo da creare un mix di elementi caratterizzati…

AQUILEIA (Ud). Campanile della Basilica.

Con i suoi settantatrè metri di altezza, il campanile della basilica di Aquileia svetta massiccio sulla pianura friulana. Costruito dal patriarca Poppone probabilmente in concomitanza con la basilica o subito dopo, comunque prima della sua…

AQUILEIA (Ud). Cimitero degli Eroi.

Dietro l’abside della basilica, delimitato dal muro di cinta medievale, si trova il cimitero dei caduti nella prima guerra mondiale. Creato all’inizio degli anni Venti, il cimitero ospita le salme di centinaia di soldati italiani morti…

AQUILEIA (Ud). Arco San Felice.

A cavaliere del tratto meridionale del fiume Natissa, sopravvivono gli unici resti della cinta difensiva medievale. In questo punto, inserito in una splendida cornice naturale, le mura scavalcavano il corso d’acqua con un arco a sesto ribassato.…

AQUILEIA (Ud). Via Roma - Portici Medievali.

L’attuale via Roma costituiva uno degli assi viari più importanti della città medievale ed era il fulcro della contrada di Sant’Andrea, dal nome della chiesa che sorgeva all’incirca a metà del suo percorso. Dai documenti medievali…

AQUILEIA (Ud). Casa Bertoli.

Lungo il viale che conduce a piazza Capitolo e alla basilica, l’attenzione del visitatore è attratta dalla casa Bertoli (via Patriarca Popone), dal nome del canonico Gian Domenico Bertoli che nel Settecento vi abitò e che pubblicò una delle…

AQUILEIA (Ud). Piazza Patriarcato.

A sud del complesso basilicale, si estende l’ampia distesa erbosa della piazza del Patriarcato. Qui sorgeva un imponente edificio pubblico di età romana (m 66 x 90), di cui fino alla metà del Settecento rimanevano in piedi cospicui resti.…

AQUILEIA (Ud). Mura Bizantine.

Immediatamente a sud della basilica civile e del decumano che l’affianca sono emersi i resti di un'imponente cinta di fortificazione, costituita da una sequenza di bastioni triangolari dal caratteristico andamento a linea spezzata. Questa…

AQUILEIA (Ud). Sudhalle, la sala meridionale ai lati del Battistero.

Ai lati del Battistero, sorgevano due ampie sale simmetriche di forma rettangolare, scoperte a partire dal 1893 e denominate dagli archeologi austriaci rispettivamente Nordhalle (sala nord) e Südhalle (sala sud), che completavano il grande…

AQUILEIA (Ud). Casa delle Bestie Ferite.

La “casa delle bestie ferite”, attualmente in corso di scavo da parte dell’Università di Padova, appartiene ai quartieri settentrionali dell’antica città. Il primo impianto risale al I secolo a.C. - inizio del I secolo d.C., ma la…

AQUILEIA (Ud). Via Gemina, scavo archeologico della "casa dei putti danzanti".

Dal 2005 è in corso, da parte dell’Università di Trieste, lo scavo della “casa dei putti danzanti”, che prende il nome dal soggetto figurato di uno dei mosaici più pregevoli. La fase più recente della casa risale al IV secolo, e ad…

AIELLO DEL FRIULI (Ud). Pieve di San Nicolò.

La chiesetta di San Nicolò, un edificio di culto di esigue dimensioni ubicato all'interno del piccolo Parco della Rimembranza realizzato nel 1958. La fisionomia attuale di questa costruzione sacra si deve ad un intervento di riduzione dell'antica…

AIELLO DEL FRIULI (Ud), fraz. Joannis, Centa medievale.

Un'importante scoperta archeologica è venuta alla luce nel 2006 presso il sito della Centa di Joannis, di proprietà dei signori Bruna e Claudio Pizzi: dal pavimento dell'edificio della Canipa del complesso bassomedievale (circa XIV sec.) della…

MANZANO (Ud). Castello.

I resti del castello sovrastano una piccola collina disposta a nord est dell'abitato lungo l'alveo del fiume Natisone. Le prime notizie storiche risalgono all'inizio del XIII secolo, tuttavia i nobili di Manzano risultano in alcuni documenti…

MANZANO (Ud), fraz. Soleschiano. Tempietto con colonne da Aquileia nel parco di Villa Piccoli Brazzà Martinengo.

La villa fu fatta costruire dai fratelli Ascanio e Marzio Piccoli nel 1709 ed i lavori terminarono nel 1715. Essa passò in seguito alla famiglia di Brazzà. Dal 1956 appartiene alla famiglia Martinengo, che l’acquistarono assai mal ridotta…

TALMASSONS (Ud), fraz. Flambro, loc. San Vidotto. Chiesa campestre di Sant'Antonio Abate.

Chiesetta campestre dedicata a S. Antonio protettore degli animali, fu un tempo la chiesa del villaggio di San Vidotto, piccolo borgo di origine romana, distrutto nel 1477 dai Turchi. La chiesetta attuale risale al XVIII secolo. Presenta aula…

AQUILEIA (Ud). Scoperte sette stanze di una domus in via delle Vigne Vecchie.

In via delle Vigne Vecchie, lo scavo archeologico, aperto nei giorni scorsi, ha portato alla luce ben sette vani con pavimentazione in tessellato. Una trincea, lunga una trentina di metri per una larghezza di circa due metri, corrispondente…

AQUILEIA (Ud). Il museo della Domus e del Palazzo episcopale.

L’area archeologica di piazza Capitolo denominata “Domus e Palazzo Episcopale” è una nuova struttura di protezione e valorizzazione realizzata dalla Fondazione Aquileia. L’edificio completa la riqualificazione della piazza della Basilica…

CASTIONS DI STRADA (Ud). SAGGI DI SCAVO ENTRO LA PIEVE.

La pieve di Castions di Strada non ha avuto molta attenzione da parte degli studiosi, fatta eccezione per storie locali o studi relativi alle parti più appariscenti del suo interno, quali gli affreschi attribuiti a Gaspare Negro'. Nel corso…

CASTIONS DI STRADA (Ud). Necropoli di periodo tardo-antico.

Nel mese di maggio 1993 sono state effettuate, su incarico della Soprintendenza, indagini archeologiche nella part. cat  n. 532 appartenente al sig. Dino  Piazza di Castions di Strada, dopo che il proprietario, nel mese di marzo precedente, …

SAN VITO AL TORRE (Ud). SITI PREISTORICI A NOGAREDO.

In data 11 marzo 1993 veniva affidato alla Società Friulana di Archeologia di Udine, da parte della Soprintendenza ai  B.A.A.A.A.S. del Friuli-Venezia Giulia, l'incarico di eseguire una serie di sondaggi nell'alveo del fiume Torre, in loc.…

TERZO DI AQUILEIA (Ud), loc. Ca' Baredi, Canale Anfora.

Una nuova scoperta è avvenuta recentemente dallo studio dei reperti del villaggio protostorico Canale Anfora a Terzo di Aquileia: 3000 anni fa in Friuli Venezia Giulia si beveva già il vino. Il dato emerge dallo studio dei materiali rinvenuti…

BASILIANO, fraz. Vissandone. Necropoli.

Nel 1988, a seguito di aratura profonda, venne scoperta una sepoltura ad inumazione; fu compiuto uno scavo di emergenza a cura del personale dei Civici Musei di Udine. La tomba, con pareti in ciottoli di grandi dimensioni legati con malta era…

BASILIANO (Ud), fraz. Villaorba. Struttura abitativa (villa) di tipo rurale.

Su terreno arativo sono visibili frr. fittili (coppi, embrici, mattoni) e ciottoli affioranti in grande abbondanza. E' possibile rilevare inoltre la presenza di una macchia nerastra in prossimità della stradina di riordino. Datazione seconda…

CAMINO AL TAGLIAMENTO (Ud). Rinvenimenti a Pieve di Rosa.

L'area della Pieve di Rosa è nota dal punto di vista archeologico per la presenza nell'ambito della Pieve, documentata nel '800, di un miliare di si presume la provenienza locale e che viene attribuito alla c.d. via per compendium da Concordia…

BASILIANO (Ud), fraz. Vissandone. Parrocchiale di S. Michele Arcangelo, struttura abitativa.

Descrizione: a ponente della chiesa di san Michele arcangelo, dove in passato si trovava la cortina (i cui fossati sarebbero stati riempiti con la demolizione dei terrapieni verso la metà del XVIII secolo), i resti recuperati inducono a supporre…

BASILIANO (Ud). Fraz. di Vissandone, loc. Grovis.: struttura abitativa.

Struttura abitativa del periodo tardorepubblicano-età tardoantica. Su terreno arativo e prato stabile sono visibili frammenti fittili: coppi, embrici, mattoni e ciottoli affioranti in grande abbondanza. Le campagne di scavo condotte nel 1999,…

AQUILEIA (Ud). Il “Mur Forat”. L’angolo delle mura nordoccidentali di Aquileia (a cura di Maurizio BUORA, Stefano MAGNANI).

«Ove sono le linee rosse è il muro Romano ancora esistente». Con questa annotazione Leopoldo Zuccolo indica nella didascalia di un suo prezioso schizzo, raffigurante la pianta schematica di Aquileia, un vasto tratto delle mura di cinta della…

SEDEGLIANO (Ud). Loc. Rivis dal Duro, Tomba a tumulo.

Il tumulo, che sorgeva in località “Rivis dal Duro”, allo stato attuale risulta del tutto spianato, in seguito ad opere di sbancamento condotte nel 1944 per reperire materiale per il campo di aviazione di Villaorba allora in costruzione. Il…

SEDEGLIANO (Ud). Loc. Prati Roncati, tomba a tumulo.

Questa tomba a tumulo, che risultava già demolita ai tempi del Quarina, riveste notevole importanza perché resta una testimonianza scritta da don A. Sbaiz di ciò che si rinvenne al momento della sua demolizione, avvenuta negli anni Venti…

POZZUOLO DEL FRIULI (Ud). Loc. Campo Cuppari: installazioni artigianali.

Quest'area, esterna alla cinta fortificata del castelliere di Cjastiei, si trova ai margini di un terrazzo artificiale. Nel corso di una serie di scavi sistematici tra il 1980/1981 e il 1986/1988 è stata individuata e scavata una decina di…

MERETO DI TOMBA (Ud). Loc. Bas de Tombe, sepoltura ad inumazione dell'età del Bronzo Finale.

Ad un chilometro ad Ovest dell’abitato di Tomba, in località Comunai o Bas de Tombe, nel 1885 furono rinvenuti due scheletri umani, ricoperti di sassi. Accanto ad essi furono recuperati i seguenti oggetti in bronzo: un’armilla a quattro…

POZZUOLO DEL FRIULI (Ud), Loc. Braida Roggia, tomba età del Bronzo Recente.

Si tratta di un'area che si estende per un breve tratto pianeggiante lungo la sponda destra del torrente Cormor. Durante i lavori di posa di un tubo dell’acquedotto, fu rinvenuta una tomba ad incinerazione isolata, risalente al VII sec. a.C.…

POZZUOLO DEL FRIULI (Ud), fraz. Sammardenchia, loc. Cueis. Villaggio neolitico.

Su una superficie complessiva di oltre 650 ettari, gravitante intorno all'abitato di Sammardenchia, sono state individuate resti di strutture antropiche e tracce di frequentazione umana risalenti, per la gran parte, al Primo Neolitico, in numero…

MERETO DI TOMBA (Ud), fraz. Plasencis. Area di dispersione di selce lavorata e frammenti fittili.

In una vasta area, a Nord dell'abitato, una ventina d'anni fa circa si rinvennero, in seguito ad una ricognizione, alcuni manufatti in selce e frammenti ceramici, genericamente riferibili all'età del bronzo. La zona non presentavasignificative…

MERETO DI TOMBA (Ud). Area di dispersione di selce lavorata.

Nel 1981 venne pubblicata la notizia dell'identificazione, a Est dell'abitato, di un'area molto vasta di dispersione di frammenti di selce lavorati attribuibili al Neolitico. Tra i manufatti figuravano alcune lamelle frammentate, alcune schegge,…

FLAIBANO (Ud), fraz. S. Odorico. Materiale in selce.

A sud dell'abitato, in un'area non meglio definita, negli anni Settanta del XX secolo fu rinvenuta un'ascia-martello in pietra riferibile all’epoca eneolitica; negli anni successivi, in seguito a questo ritrovamento, furono effettuati ulteriori…

CAMPOFORMIDO (Ud). Tomba Forade / Panerate a tumulo.

Di questa tomba, segnalata dal Quarina, non resta oggi traccia e già negli anni Settanta del XX secolo risultava ignota agli abitanti del posto (ELLERO 1979, pp. 31-3). Al momento del rilevamento il Quarina la classificava tra le tombe a tumulo…

CAMPOFORMIDO (Ud). Tomba a tumulo.

Si tratta di un antico tumulo, allo stato attuale conservato solo parzialmente a causa di lavori di sbancamento effettuati negli anni Ottanta del XX secolo per guadagnare terreno coltivabile. Al tempo delle ricognizioni del Quarina, negli anni…

BASILIANO (Ud). Loc. La rive di Toson, tumulo protostorico.

Ai tempi dei rilievi effettuati dal Quarina negli anni Quaranta del XX secolo, il tumulo si presentava di forma conica e aveva un diametro alla base di m 16x17 e un'altezza di m 5 rispetto al piano di campagna. La sommità era appena spianata.…

BASILIANO (Ud), fraz. Vissandone, tomba a tumulo (demolita).

La tomba a tumulo di Vissandone risultava demolita già ai tempi delle ricognizioni effettuate dal Quarina negli anni precedenti la II Guerra Mondiale. Secondo quanto riportato dallo studioso (1943, p. 80), il tumulo sorgeva vicino alla strada…

AQUILEIA (UD), Loc. Braida Murada, le Grandi Terme.

Le Grandi Terme di Aquileia, costruite nella prima metà del IV secolo d.C., all’epoca dell’imperatore Costantino, sono, con i loro 25.000 mq di estensione, uno dei più grandi impianti termali pubblici dell’Italia settentrionale romana.…

VARMO (Ud). Un sito dell'età del ferro a Gradiscutta.

Nel corso delle ricognizioni di superficie che alcuni componenti della Società Friulana di Archeologia, sotto il coordinamento dei Civici Musei di Udine, stanno svolgendo da qualche tempo nel territorio del Comune di Varmo, si è arrivati ad…

VARMO (Ud). Il ripostiglio di Belgrado cento e vent'anni dopo.

Di un interesse assai più grande per l'archeologia preistorica è la scoperta di un ripostiglio di bronzo trovato nella pianura presso il Tagliamento, forse nel sito di un sua antico alveo, della quale credo opportuno di dare una succinta relazione. Leggi…

RIVIGNANO (Ud). Un'ascia in pietra verda da Flambruzzo.

Con il presente contributo si coglie l'occasione per presentare un'ascia litica sostanzialmente inedita databile ad età neo-eneolitica, rinvenuta in occasione di ricognizioni di superficie effettuate su un'area archeologica di età romana denominata…

CODROIPO (Ud). Rinvenimenti di tombe altomedievali nel centro storico.

Nell'ottobre del 1956 vennero effettuati casualmente rinvenimenti archeologici nell'ambito dell'attuale Piazza Garibaldi a Codroipo, in occasione di lavori promossi dall'amministrazione comunale per la realizzazione delle fognature. Leggi tutto…

RONCHIS (Ud). Iscrizione romana di età repubblicana dalla località Infan.

Benvenuto Castellarin noto storico della Bassa friulana, in particolare del territorio di Ronchis ha segnalato la presenza di un'iscrizione romana nella località Infan, presso, Modeano in comune di Ronchis, in possesso del signor Gino Mauro. Leggi…

SEDEGLIANO (Ud). Un'iscrizione romana scoperta a Turrida.

A Turrida, frazione del Comune di Sedegliano posta sulla riva sinistra del Tagliamento, è stata di recente scoperta una lapide recante un'iscrizione latina. Leggi tutto nell'allegato: Un iscrizione romana scoperta a Turrida a cura di…

VARMO (Ud). Epigrafe di un Cives Menapius.

All'inizio dell'Ottocento, secondo quanto scrive il Moschettini che allora era responsabile delle antichità di Aquileia, si rinvenne colà un'epigrafe che è rimosta famosa nella letteratura, per motivi che andremo a chiarire. Leggi tutto…

AQUILEIA (Ud). Il Battistero.

Fa parte del complesso della Basilica Patriarcale, davanti alla cui facciata è posto ed alla quale è collegato da un corridoio porticato che conduce al nartece. Sorto nel periodo della basilica post-teodoriana, era un edificio a pianta…

AQUILEIA (Ud). La Basilica Patriarcale.

E’ il più antico edificio di culto cristiano nell’Italia nordorientale e di conseguenza servì come modello per altre chiese, anche al di fuori dei confini nazionali. La Basilica attuale, pur con i rifacimenti posteriori, è una grandiosa…

AQUILEIA (Ud). La Chiesa di Aquileia ed il cristianesimo.

Tutti gli studi portano oggi a pensare che la nuova religione, il cristianesimo, attecchì in Aquileia romana con una lenta e probabilmente antichissima penetrazione (I-II sec.), attraverso circoli di tendenze giudaiche o la colonia ebrea…

AQUILEIA (Ud). Area archeologica dei fondi ex Cal e beneficio Rizzi.

L’area archeologica dei fondi ex Cal e beneficio Rizzi – posta sul lato occidentale della attuale via Giulia Augusta, di fronte allo sbocco di via Patriarca Popone -  è del tutto incomprensibile per il visitatore occasionale. Una idea…

AQUILEIA (Ud). Fondo Pasqualis - Mercati.

Gli scavi eseguiti nel 1953-54 all’estremità sud-occidentale dell’antica città hanno portato alla scoperta di due tratti delle mura di cinta tardoantiche e, alle loro spalle, di tre aree scoperte. In questi spazi, si identificano delle…

AQUILEIA (Ud). La storia.

L’importanza e la lunghissima storia d’Aquileia, le tante testimonianze a noi giunte, meritevoli di visita, rendono l’antica città romana una meta a sé stante. La visita d’Aquileia non si può esaurire nell’arco di una sola giornata…

RUDA (Ud), fraz. Perteole, loc. La Fredda.

Le campagne di scavo stratigrafico in corso dal 2006 in località “La Fredda” hanno finora portato alla luce una condotta d’acqua appartenente con ogni probabilità all’acquedotto romano che riforniva la città di Aquileia. In prossimità…

CERVIGNANO (Ud). Chiesa di San Girolamo.

Si trova a fianco del tracciato del cardine massimo della centuriazione aquileiese. Sulla facciata di una casa prospiciente la piazza è murata un'iscrizione romana (presumibilmente sepolcrale, probabilmente rinvenuta sul posto). Nella chiesa…

CERVIGNANO (Ud). Chiesa di San Michele.

All'interno della chiesa, già di pertinenza del monastero benedettino femminile di Aquileia, esiste un mosaico altomedievale (sempre visibile). Scavi effettuati negli anni '90 del secolo scorso hanno messo in luce una fornace e resti delle…

RUDA (Ud). Fraz. Saciletto.

"Castrum Zazilet", sebbene documentato sin dal 1274, ma probabilmente esistente in precedenza, si trova sulla via che da Aquileia conduceva a Cividale. Per la sua importanza fu motivo di contesa tra il Patriarcato di Aquileia ed i Conti di Gorizia…

BAGNARIA ARSA (Ud). Fraz. Sevegliano, Rinvenimento di anfore.

La frazione di Sevegliano è stato un importante insediamento romano, presso l'incrocio della Via Postumia con il cardine massimo della centuriazione aquileiese, ove esisteva un tempio della II metà del II sec. a.C. Moltissimi manufatti fittili,…

PALMANOVA (Ud). La fortezza.

"Palma" fu edificata nel 1593 dalla Repubblica di Venezia al centro della pianura friulana, ma a ridosso dei territori asburgici, come baluardo contro eventuali invasori austriaci e turchi. La fortezza stellata, mirabile esmpio di architettura…

CODROIPO (Ud). Il tesoretto monetale medievale.

  Bertrando di Saint Genies, 1334-1350, mezzo denaro con Beata Vergine Durante il mese di marzo del 1934 a seguito di lavori di demolizione di un vecchio fabbricato di proprietà del sig. Toso Giuseppe fu Cesare, posto nell'attuale…

CODROIPO (Ud). Il castelliere di Rividischia.

Il castelliere di Rividischia si trova in comune di Codroipo, tra le frazioni di San Martino e di Rividischia; individuato nel 1983, fu in seguito oggetto di ricerche di superficie e stratigrafiche. Il sito è posto su un alto morfologico modellato…

CODROIPO (Ud). Il castelliere de La Gradiscje.

Il sito di Gradiscje di Codroipo (36 m slm, 45° 57’ 10’’ N, 12° 58’ 54’’ E) si trova all’inizio della fascia delle risorgive, immediatamente a Sud dell’attuale abitato di Codroipo (nei pressi del campo sportivo). Dal punto…

BASILIANO (Ud), Fraz. BASAGLIAPENTA, Chiesa di Santa Maria Maggiore.

Non si possiedono notizie riguardanti l’origine della chiesa primitiva, ma i vari reperti longobardi murati sulla parte esterna del coro - un bassorilievo, due cerchi con dentro una stella a otto punte e un resto decorato a treccia - autorizzano…

AQUILEIA (Ud). Le Case Romane del fondo Cossar.

L'area del fondo Cossar Imboccando un viottolo trasversale alla via Sacra (parallelo ai binari della ferrovia) si raggiunge un'area di scavo in cui sono visibili pavimenti e fondazioni di case romane. Si tratta di abitazioni patrizie, dai…

BASILIANO (Ud), fraz. di Villaorba. Chiesa di Sant’Orsola.

La chiesa campestre di Sant’Orsola sorge nella campagna a nord dell’abitato di Villaorba, lungo la strada che conduce a Mereto di Tomba, a circa un chilometro dal paese. Fu eretta nel 1338 per volere di Federico da Castello, ricco feudatario…

AQUILEIA (Ud). Il Foro e la Basilica Civile.

Il foro è il primo monumento romano che il visitatore può osservare quando arriva ad Aquileia. La prima individuazione di una “piazza” si deve già al canonico Gian Domenico Bertoli, che infilando il suo bastone nel terreno sentì la presenza…

AQUILEIA (Ud). Il Mausoleo.

All'angolo tra via Giulia Augusta e via XXIV Maggio si staglia, imponente (è alto 17 metri), il Grande Mausoleo. Il restauro del monumento funebre, curato da G. Brusin e V. Degrassi nel 1956 sulla base di frammenti ritrovati nel 1891 a Roncolon…

AQUILEIA (Ud). Il Porto sul Natissa.

Nella parte orientale della città, dove un tempo scorreva il grande fiume Akilis (dal quale la città prende il nome) Natisone-Torre, largo 48 metri e navigabile per 10 km., sono visibili i resti dell'antica struttura portuale, che fu costruita…

AQUILEIA (Ud). Il Sepolcreto.

Lungo la via XXIV Maggio di Aquileia, si può visitare l'unico sepolcreto aquileiese ritrovato, e farci un'idea delle usanze funerarie dei romani. Si trovava fuori dalle mura: le leggi romane vietavano infatti la sepoltura all'interno dei centri…

LIGNANO SABBIADORO (Ud). La Chiesa di Santa Maria del mare, già a Bevazzana (Latisana).

Nell’ampia zona verde che separa Sabbiadoro da Pineta (oggi proprietà GETUR, in strada senza nome perpendicolare al viale Centrale, nei pressi dell'ingresso alla sede di Getur), negli anni 1965-1966 è stata ricostruita la Chiesa di Santa…

AQUILEIA (Ud). Il Museo Archeologico Nazionale.

Il museo, istituito nel 1882, ha sede nella Villa Cassis Faraone, costruita tra il 1812 e il 1825; esso accoglie le collezioni storiche, ricevute in dono o acquistate dalle più illustri famiglie aquileiesi, integrate dai risultati delle ricerche…

COSEANO (Ud). Insediamenti di Barazzetto, Coseanetto e Nogaredo di Corno.

Il territorio di Coseano conserva testimonianze particolarmente significative del suo passato, soprattutto in relazione al periodo romano, tra il I a.C. e il IV/V secolo d.C. In questa fase il comprensorio territoriale doveva essere abitato…