aquileiaRITUALITA’ CONNESSE ALLA COSTRUZIONE DI DOMUS. LE OFFERTE MONETALI DI FONDAZIONE AD AQUILEIA, di Grazia Facchinetti in “L’architettura privata ad Aquileia in età romana“, Atti del convegno di studio Padova 2011 – Antenor Quaderni 24.
Le indagini archeologiche svolte in Aquileia e nel suo territorio hanno evidenziato alcuni episodi di offerta di monete durante la costruzione di abitazioni.
Questo tipo di ritualità trova numerosi confronti nel mondo romano e nella stessa Aquileia risulta praticato anche nel caso di edifici pubblici con funzione verosimilmente beneaugurante e protettiva nei confronti delle costruzioni in cui veniva realizzato.
Le evidenze archeologiche, se da una parte ci forniscono alcune prime, provvisorie, informazioni in merito, ad esempio, all’arco cronologico di attestazione, aprono però anche una serie di domande relative all’identità degli offerenti ed alla ricostruzione della ritualità seguita. Se la moneta risulta, infatti, essere l’unica traccia attualmente rilevabile, ciò non esclude che la sua deposizione possa essere stata accompagnata da altri atti che non hanno lasciato tracce stratigraficamente riconoscibili. Inoltre, resta aperto l’interrogativo sulla possibile reiterazione delle offerte in più punti delle case o in occasione di lavori di ristrutturazione.
Leggi tutto: Le offerte monetali di fondazione ad Aquileia

MONETE DEL PERIODO AUGUSTEO AD AQUILEIA, di Giovanni Gorini, da “Atti della XLV Settimana di Studi Aquileiesi” – 2014 – Antichità Altoadriatiche – Vol. LXXXI – Editreg Trieste 2015
Il periodo augusteo rappresenta un momento centrale per la circolazione della moneta romana in tutto l’impero e particolarmente nell’Italia Settentrionale che si trova ad essere interessata da un ampio progetto urbanistico e edilizio che interessa molte delle città che vengono a far parte della x regio da poco costituita e tale fervore urbanistico comporta un afflusso di moneta per finanziare tutte queste iniziative pubbliche e private. Inoltre la stabilità dell’Impero, con decenni di pace dopo gli anni burrascosi delle guerre civili, comporta una espansione dei traffici e degli scambi che necessitano di moneta e i ritrovamenti confermano tale abbondanza conseguenza di una ricca ed ampia circolazione.
Leggi tutto: Monete del periodo augusteo ad Aquileia

LA CIRCOLAZIONE MONETALE AD AQUILEIA E NELLA X REGIO ALLA LUCE DEI CONTESTI STRATIGRAFICI: IL CASO DEGLI ASSI REPUBBLICANI, di Diana Dobreva – Andrea Stella, in Numismatica e Archeologia. Monete, stratigrafie e contesti. Edizioni Quasar

Scopo del presente contributo è quello di analizzare, grazie all’apporto dei contesti stratigrafici, la circolazione della monetazione in bronzo repubblicana, con particolare riferimento all’asse, nella Venetia et Histria. A partire dalla prima metà del II sec. a.C. queste emissioni furono soggette ad una prolungata circolazione, in alcuni casi fino a tutto il I sec. d.C., che necessita quindi di essere studiata nelle sue fasi principali ai fini di una migliore comprensione della circolazione monetale tra repubblica ed Impero nella X Regio, e di una corretta datazione dei contesti che restituiscono queste monete. Grazie ai dati provenienti dai più recenti scavi condotti in particolare nell’area dell’antica Aquileia è possibile osservare, ad esempio, come la fase di circolazione probabilmente più intensa degli assi repubblicani si collochi nel corso della prima età augustea, in molti casi a più di un secolo dalla loro emissione, seguendo una tendenza, dettata dalla richiesta di moneta spicciola prima della riforma monetaria augustea, che trova precisi confronti anche in aree prossime alla Venetia et Histria.
Leggi tutto: La circolazione monetale ad Aquileia..

Periodo Storico: Età Romana
Localizzazione Geografica