monteaperta

La chiesetta alpestre è del XIII secolo situata fuori dall’abitato e portò dapprima il titolo dei Santi Vito e Modesto.
Dal XV secolo e fino al 1720 fu dedicata ai Santi Daniele e Lorenzo.
L’edificio originario era sicuramente d’impianto romanico, riattato dopo i vari sismi, specie quelli del 1348 e 1511, secondo gli stilemi del tempo.
Ospita lacerti di affreschi di Gian Paolo Thanner, risalenti al 1520. All’interno dell’aula sono emersi sulle pareti, a seguito del terremoto del 1976, alcuni lacerti di affresco.
Nella nicchia centrale dell’altare si trova il gruppi ligneo, laccato in oro, raffigurante il Cristo, l’Eterno Padre che incoronano la Vergine Maria e sopra la Colomba dello Spirito Santo, risalente al secolo XIX. In alto, la figura di San Daniele Profeta.
La chiesa è dotata di un raro agioscopo che consente di ascoltare la messa dall’esterno. Nel santuario della Santissima Trinità di Monteaperta, le comunità delle valli del Cornappo e del Torre si danno appuntamento ogni anno nel mese di giugno per rinnovare il solenne e suggestivo rito del Bacio delle Croci.
Si trova sul percorso del Cammino Celeste.

Bibliografia:
lintver.it,
– “Slovensko multimedialno okno” – “Finestra multimediale slovena” museo a San Pietro al Natisone

Info: http://www.prolocoregionefvg.it/evento/s-s-trinita/

Autore: William Sambo

Periodo Storico: Basso Medioevo
Localizzazione Geografica