tolmezzo

Già alla fine del XII secolo Tolmezzo possedeva una chiesa dedicata a San Martino, come può attestare documento del 1199, con il quale Papa Innocenzo III concedeva ai monaci di Moggio di edificare una chiesa su terreni di proprietà del monastero, chiesa probabilmente fornita di cimitero e di fonte battesimale.
All’inizio semplice cappella, la chiesa dovette ingrandirsi soprattutto dopo che Tolmezzo, da luogo abitato da poche persone era diventata città, grazie al patriarca Gregorio di Montelongo.
L’aspetto del primitivo edificio, in totale mancanza di documentazione, rimane però sconosciuto.
Alla fine del secolo XV la chiesa di San Martino si presentava come una chiesetta con più ingressi, preceduta da un portichetto davanti alla porta maggiore, con un occhio in facciata.
L’interno doveva essere di una certa dimensione: un primo ampiamento si ebbe nel 1478, quando a maestro Egidio muratore fu affidato l’incarico di costruire la “chua”, cioè la cappella di San Giacomo a fianco del presbiterio, nel quale era collocato l’altare dedicato a san Martino, poi nel 1512 quando, nel ricordo della peste che era seguita al disastroso terremoto dell’anno precedente causando centinaia di morti anche in Carnia, si deliberò di erigere un altare in onore dei santi Sebastiano e Rocco.

Vedi una presentazione più completa: https://guidartefvg.it/elenco/il-duomo-di-tolmezzo/

Info:
Piazza XX Settembre, 1, 33028 Tolmezzo UD – Telefono: 0433 466505

Periodo Storico: Basso Medioevo
Localizzazione Geografica