aviano

La prima menzione certa di questo sito castellano è il primo settembre 1162; in questa data l’Imperatore Federico concedeva al vescovo di Belluno il castello d’Aviano e di conseguenza questo ci pone di fronte ad un terminus post quem: non si è certi, ma è possibile che precedentemente su questo sito vi fosse una specola romana.
Un’altra data molto importante è il 1328, anno in cui si concedeva il castello in abitanza a Pietro de Rubeis, a patto che lo restaurasse. Pochi anni più tardi, nel 1332, a seguito della morte del Patriarca Pagano, il Vicario della chiesa, Guglielmo, lo concedeva alla nobile famiglia dei Porcia, i quali si impegnarono a difenderlo contro qualunque attacco, si presuppone da parte dei signori da Camino.
Già alcuni anni più tardi, nel 1337 il castello venne dato ai Savorgnano.
Trascorsero alcuni anni di relativa pace, tuttavia questo luogo non rimase estraneo alla guerra di successione al Patriarcato del 1387 venendo occupato dai Carrara e successivamente nel 1411 venne stilato il patto di amicizia tra la città ed il Doge.
Da quel momento infatti de jure rimase soggetto al Patriarca, ma de facto era soggetto a Venezia.
Del castello attualmente si possono visitare il perimetro della cerchia muraria, il mastio dalla torre quasi pentagonale e la chiesa parrocchiale di Santa Maria e Giuliana, fatta costruire dalla famiglia Trevisan (in sostituzione della precedente) nel 1589.

Bibliografia:
– Miotti T. 1980, pp. 29-37.

Info:
Piazzale Castello, 4, 33081 Aviano PN
tel. 0434651378 (diocesi di Aviano)

Immagini:
Dipinto di Raffaello De Gottardo (http://www.pordenonecastelli.com/) e Pordenonewithlove.it

Autore: William Sambo

Periodo Storico: Basso Medioevo
Localizzazione Geografica