Durante la ristrutturazione di una casa del centro storico di Duino furono rinvenuti numerosi frammenti di ceramica. Gli strati indagati (1982-3) raggiungevano quasi 2 m. di profondità e contenevano materiale ceramico che si datava al bronzo finale, alla prima età del ferro e all’epoca romana, più precisamente al I sec. d.C.Il materiale più tipico è rappresentato dalle olle ovoidali con orlo everso, databili all’VIII-VII sec. a.C.
Alcune strutture murarie, rinvenute durante i lavori, sono state identificate come parte della cinta difensiva, perciò si ritiene che si tratti di un abitato fortificato. Esso doveva avere una cinta semicircolare a nord, mentre a sud era difeso naturalmente dalle pareti rocciose che precipitano quasi a strapiombo verso il mare. Questo viene dimostrato anche dalla disposizione delle case del centro storico.
Nella mappa catastale dell’inizio del 1817 le case sono disposte secondo un semicerchio. E’ probabile che su questa disposizione abbia influito una struttura preesistente, forse il muro di cinta dell’antico abitato.
Inoltre il castello ed il nucleo storico di Duino si trovano in posizione più elevata rispetto al resto della zona. Tutti questi elementi fanno pensare che questa sia l’area di un castelliere.
L’abitato continuò ad esistere anche in epoca romana, poichè sorgeva in una zona che divenne un nodo stradale di primaria importanza.

Fonte: Stanko Flego, Lidia Rupel. I Castellieri della Provincia di Trieste. Trieste 1993, pg. 59-60.

Periodo Storico: Protostoria
Localizzazione Geografica